martedì 26 novembre 2013

7 days of thanks - giorno due

Tra il dire e il fare, nel mio caso c'è di mezzo una giornata scarsa. Nel senso che ieri spiegavo qui la mia intenzione di dedicare questa settimana al dire grazie. Al farlo in diversi modi. Ieri con una cartolina, con un biglietto. Oggi "facendo" qualcosa con le mani.

Lui ama i biscotti. Gli ricordano i primi mesi in cui eravamo insieme. Gliene facevo di tutti i tipi, ma preferiva i più semplici, quelli di frolla. Se li facevo a forma di cuore rideva, gli sembravo una bambina infatuata. Ma in realtà io lo so, gli facevano un gran piacere. Li impacchettavo e poi li poggiavo sul comodino, a sorpresa.

In questi anni Lui ed io ci siamo maltrattati. Amati, anche. Ma molto maltrattati. Abbiamo fatto spesso fatica a dirci "scusa", e ancora di più a dirci "grazie". Per la pazienza, per la voglia di rimanere insieme, per il voler continuare a condividere un progetto di vita che oggi include un bambino, il nostro bambino.

Allora oggi ti dedico questo. E ti dico "grazie". Non solo per quello che ho appena scritto, ma anche per tutte quelle tue piccole e enormi dimostrazioni d'amore quotidiane. Perché ci sei sempre, anche se spesso non ci sei nei modi e nelle forme che mi aspetto e che vorrei. Perché mi sorridi anche quando sei preoccupato. Perché sono due mattine che mi porti un vassoio a letto con i nostri due caffè, il biberon caldo per Vittorio e una manciata di biscotti.

Allora oggi li faccio io a te, i biscotti. Con le mie mani come un tempo, e stasera quando torni sono lì sul tuo comodino.




Gli ingredienti per la mia ricetta dei biscotti con gocce di cioccolato (premesso che io vado a tazze e parecchio a occhio).

Zucchero bianco, 3/4 di tazza
Zucchero di canna, 3/4 di tazza
Due uova grandi
Farina 00, 2 tazze e 1/4
Burro a temperatura ambiente, 120 grammi
Un pizzico di sale
Gocce di cioccolato, quante ve ne pare.


Ho acceso il forno a 170 gradi. 
Ho mischiato la farina col pizzico di sale. Volendo si può aggiungere una bustina di lievito, ma io preferisco senza. 
In un'altra ciotola ho unito i due zuccheri con il burro. E' difficile lavorarli con la frusta, quindi - quale profana della cucina - mi sono permessa di frullare con il mixer. Viene una crema morbida morbida. 
Poi ho incorporato un uovo alla volta, mischiando energicamente con una spatola. 
Infine ho incorporato lentamente la farina. Anche qui, energia donne. Viene un composto più morbido e appiccicoso della pasta froll. Anche questo è abbastanza friabile ma si lavora benissimo.
Poi ho aggiunto le gocce di cioccolato.
Ho fatto palline di 2,5cm circa di diametro e le ho disposte sulla teglia ricoperta di carta forno. Ho infornato e sfornato quando i biscotti avevano una crosticina dorata, 20 minuti scarsi a teglia.




Poi l'etichetta con un filo di lana.
 




13 commenti:

  1. Dopo la torta di Lizzie della scorsa settimana, in questa proverò i tuoi biscotti...e' un periodo che mi son convinta che devo imparare a cucinare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io cucino senza aver mai imparato a cucinare :D
      I biscotti sono buonissimi. Lo testimonia la redazione in cui lavoro, che oggi si è beccata gli avanzi :) fammi sapere!

      Elimina
    2. Visto che oggi forse sarà giorno di biscotti, mi serve un chiarimento: che differenza c'è se uso o non uso il lievito? Grazie! :-)))

      Elimina
    3. vengono ancora più gonfi, ma la consistenza è diversa, un po' più morbida. io li preferisco così...

      Elimina
    4. Provati in entrambe le versioni. Anch'io li preferisco più croccanti ma per il piccolo di casa, la versione con lievito, e' preferita! Grazie!!!

      Elimina
  2. li proverò senz'altro...grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova prova! La prossima volta li faccio con cioccolato bianco e cannella. yum.

      Elimina
  3. Bellissimo, il grazie di quest'oggi.

    RispondiElimina
  4. Un dolce pensiero; grazie di averlo condiviso con noi!!

    RispondiElimina